Vinyl e la forza del vero rock’n’roll

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Tempo di lettura previsto: 3 minuti

di Noha

Vinyl.
Il vinile.
Quell’oggetto magicamente vintage che porta con sé una tradizione, una cultura, uno stile di vita.
Lo stile di vita pazzo e sconsiderato che ci viene raccontato in questa nuova serie tv della HBO (qualcuno ha detto Game of Thrones?).
Stiamo parlando di un prodotto che trasuda qualità in ogni suo più piccolo dettaglio: dalla regia alla fotografia, dall’abilità degli attori alla colonna sonora che perfettamente si sposa ed amalgama alle scene, diventando di fatto lei la vera protagonista. Osservare ogni secondo di questa serie tv è un piacere per gli occhi e le orecchie, e vi trascinerà in un’overdose di puro rock’n’roll.

Screenshot_2016-03-05-18-01-18-1

Ma cos’è Vinyl?

Vinyl è la storia di Richie Finestra, interpretato magistralmente da Bobby Cannavale, un leader italo-americano di una grande etichetta discografica sull’orlo del fallimento. Richie è un uomo dannatamente ricco ma che si è “guadagnato il diritto di essere detestato”. È partito pulendo il vomito da ogni locale di New York e si è fatto da solo, arrivando dov’è ora grazie al suo orecchio d’oro, finché le cose non hanno iniziato ad andare nella direzione sbagliata.

maxresdefault

Vinyl è gli anni Settanta americani dove è la musica a muovere il mondo, ma insieme ad essa anche raccomandazioni, corruzioni, tonnellate di ogni tipo di droga, sesso sfrenato e problemi con la legge.
Vinyl ci offre una visione inedita e tutta nuova della music industry che siamo da sempre abituati a vedere dalla parte di chi sta sul palco, o ancora di più, di chi sta tra il pubblico.
Vinyl è duro, crudo, cattivo.
Vinyl è onesto in tutta la disonestà di ciò che ci vuole raccontare.
Vinyl è musica ad alto volume, chitarre frantumate, cocaina a colazione, ugole sanguinanti, crani fracassati, chitarre scordate e locali che crollano.

Screenshot_2016-03-05-18-00-13-1

Vinyl è quello scricchiolio che precede l’inizio della prima traccia quando la puntina si abbassa sul disco. Quei cinque minuti sacri che ci concediamo per lasciare che la musica calda ed avvolgente di un vinile ci inebri come solo lei sa fare.
Vinyl è il prodotto della collaborazione di due mostri sacri come Mick Jagger e Martin Scorsese, che ci daranno l’opportunità di vedere riproposti sul piccolo schermo tanti artisti ai quali tutti siamo affezionati; Led Zeppelin, Alice CooperDavid Bowie e Janis Joplin sono solo alcuni di essi.
Vinyl è quella serie tv che mancava, che ci voleva e che non ci si può proprio lasciare scappare.

original

Consigli per la visione: non lasciatevi scoraggiare dalla lunghezza del pilot e dalla sua, se vogliamo così definirla, frammentarietà. È un pilot come un buon pilot dovrebbe essere, che si prende la briga di spiegarci e raccontarci dettagliatamente la vita ed il carattere dei personaggi principali, per poi poterci far godere senza intoppi lo sviluppo vero e proprio della storia che seguirà dalla seconda puntata. Vinyl è un prodotto di qualità altissima, che vale la pena di guardare e che va gustato in ogni dettaglio perché nessuno, purtroppo, ci restituirà la prima visione di questa bellissima serie tv.

BlueBoxSeries
Account di redazione che raccoglie sproloqui telefilmici vari ed eventuali, perché non sempre firmarsi singolarmente è semplice e - soprattutto - conveniente.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi