Shameless: quando la gioia non esiste per nessuno

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Tempo di lettura: 7 minuti

Anche questa sesta stagione è giunta al termine. A mio parere è stata una bella stagione, sarà che in sei anni non c’è mai stato un episodio che mi facesse dire “bruttino/che noia/potevano fare di meglio“. Shameless non sarebbe Shameless se avesse dei finali di stagione rose e fiori, o se non succedessero tragedie a uno o più personaggi. Quindi direi che questa stagione si è conclusa in perfetto stile Shameless, stile che possiamo riassumere con tre parole: mai una gioia. Mai una gioia per Fiona, mai una gioia per Lip, mai una gioia per Carl, mai una gioia per Debbie (ma forse se lo merita), mai una gioia per Frank..ma forse Frank è l’unico a non curarsene.

Ma procediamo con ordine con i vari Fucking Gallaghers.

Fiona

Fiona è un personaggio che ha avuto alti e bassi, a volte la si ama, a volte la si odia e la si vorrebbe uccidere. Per quel che mi riguarda, in questa stagione Fiona ha avuto il mio completo appoggio, soprattutto per quando riguarda la situazione creatasi con Debbie. Ha saputo impegnarsi e battersi per riottenere la casa, e nel bene o nel male possiamo dire che a mandare avanti la baracca sia sempre lei. Sembrava aver trovato un minimo di serenità/tranquillità (anche se con i Gallaghers usare la parola “tranquillità” è sempre un azzardo) grazie a Sean, e poi la batosta finale. Che Sean non fosse perfetto lo sapevamo, sapevamo del suo “passato” da ex-drogato e sapevamo anche che di recente aveva ceduto a qualche dose. Quello che né io né Fiona ci saremmo aspettate era che fosse rientrato in pista, in tutti i sensi. E averlo scoperto solo “grazie” all’invettiva di Frank nel giorno del matrimonio, ce lo fa odiare ancora di più. C’è una cosa che me lo fa odiare a morte: l’atteggiamento nell’ultima scena con Fiona. Passi il “devo andarmene subito perché devo salvare il rapporto con mio figlio che è più importante di te” e va bene, lo accetto, ma quello che proprio non mi va giù è quel “Abbi cura di te, ok?

Abbi cura di te. Ma veramente? Hai appena mandato all’aria un matrimonio, la tua ex-futura moglie ha appena scoperto che hai ricominciato a drogarti, e l’unica cosa che sai dire è: abbi cura di tePer quale motivo a Fiona non ne va mai bene una? Per quale motivo non ha avuto una, e dico una, relazione che abbia funzionato? E’ stato un colpo basso, Sean. C’è chi odiava a morte Sean già dalla prima apparizione, chi sperava in un ritorno di Jimmy. Tutto sommato a me Sean non dispiaceva. A questo punto direi che la vincitrice del premio forever alone e mai una gioia perenne è Fiona, di nuovo. 

Lip

Anche per Lip la sesta stagione ha rappresentato un susseguirsi di sfighe e di innumerevoli casini. Prima il fattaccio della professoressa gnocca, cosa per cui dobbiamo incolpare quella psicopatica di Amanda, se non fosse stato per lei Lip ora sarebbe (probabilmente) felice a fare il geniaccio e a barcamenarsi tra le varie vicende dei Gallaghers. Poi lo scivolone verso l’alcolismo con annessi bagordi mentre viveva ospite della confraternita, infine i litigi con Youens e l’espulsione dal college. Ammetto che qualche volta avrei voluto prenderlo a sberle per la sua stupidità, avrebbero voluto picchiarlo anche Kevin e gli aficionados dell’Alibi quando scoprono che è stato espulso. Fortuna che Youens, tutto sommato, si è preso a cuore Lip, lo tira fuori di prigione o lo obbliga ad andare in rehab. Lacrime per il finale, quando probabilmente si rende conto di essere in un gran casino.

Ian

Nella scorsa stagione Ian aveva dato il peggio di sé, in un certo senso questa è stata la stagione della redenzione. Si è rimesso in carreggiata, si è dato una regolata. Ha iniziato a frequentare in modo stabile il pompiere, di cui non ricordo nemmeno il nome e con il quale, a mio parere, ha una chemistry pari a zero. Sarà che io ancora spero in un ritorno di Mickey..  Comunque bisogna ammettere che questo pompiere è servito per stabilizzare Ian, per spronarlo a credere in sé stesso e a lottare per ciò che vuole, vedi il posto da paramedico. Un po’ poco credibile che venga riassunto grazie ad una filippica con i fiocchi, ma ne siamo felici lo stesso.

Debbie

Per Debbie solo odio in questa stagione. Ho avuto impulsi omicidi nei suoi confronti fin dal primo episodio. Immatura. Consapevole che un bambino non avrebbe risolto la questione con Derek, che ha pensato bene di darsela a gambe, ha  comunque deciso di portare avanti la gravidanza, nonostante abbia 15 anni, nonostante non abbia una situazione economica favorevole alle spalle, né una famiglia “normale”, né un lavoro. Convinta che sarebbe riuscita a essere mamma e studentessa e a finire la scuola, prosegue con le sue idee, lei si sente matura per poter avere un figlio, nonostante tutti (a parte Frank) le diano contro. Inizia ad odiare Fiona perché le suggerisce di abortire, per il suo bene, e perché non è favorevole alla gravidanza. Una volta nata Franny, questo astio nei confronti di Fiona, che invece vorrebbe solo aiutarla, continua. Fa niente se non è in grado di prendersi cura della figlia, di farla dormire, di lavarla, e di assicurarsi che non cada dal letto. Per tutta la stagione Debbie assume l’atteggiamento da adolescente odiosa, di quelle che vorresti solo prendere a sberle, mentre speri che Fiona la sbatta fuori di casa.

Carl

Carl vince il premio per personaggio migliore della stagione. A mio avviso, Carl ha una vera e propria evoluzione e maturazione (a differenza di Debbie). Uscito di prigione, è convinto di essere un brother, di avere un’anima nera nel corpo di un bianco, si immischia in una serie di traffici, dalla droga alle armi, con Nick, un ex galeotto che fa un po’ da galoppino e guardia del corpo. Quando Nick viene arrestato di nuovo perché massacra un bambino, colpevole di avergli rubato la bicicletta, in Carl inizia una sorta di redenzione. Si rende conto che quella vita non è il massimo e non fa per lui, usa i soldi guadagnati per ricomprare casa Gallagher, scioglie le treccine e decide di diventare un bravo ragazzo. Peccato che anche per lui si annidi dietro l’angolo il “Mai una gioia”: inizia a fare coppia con Dominique, sembrerebbe andare tutto bene, se non fosse che il padre della ragazza lo odia. Non è sufficiente che Carl abbia messo la testa posto, che abbia addirittura deciso di voler diventare un poliziotto. Per ora, comunque, tutto sembra più o meno filare liscio per Carl, vedremo nella prossima stagione se il Signor Papà sferrerà qualche attacco. Carl è stato in grado di farmi morire dal ridere durante le puntate in cui si atteggia da nero, ma anche di farmi commuovere, soprattutto nell’ultima scena con Nick.

Frank

Frank è Frank. Non c’è altro da dire. Lo si odia e lo si ama contemporaneamente. Vorrei prenderlo a calci per la sua continua nullafacenza e per il suo continuo voler fregare chiunque, ma c’è da dire che Frank è questo, se si comportasse diversamente non sarebbe più lui. Come si fa a non amarlo quando prende il posto di Carl nei traffici di droga, quando tenta di fregare persino gli spacciatori e i santoni della riserva in cui viene trascinato da Queenie. Per quanto riguarda il finale, però, ho sentimenti contrastanti. Da una parte mi ha fatto quasi tenerezza nel voler a tutti costi partecipare al matrimonio di Fiona, a tal punto da avere odiato Sean e Fiona quando glielo impediscono, dall’altra l’ho ricoperto di insulti quando con la sua piazzata, manda all’aria il matrimonio rivelando a tutti che Sean è ancora un drogato. C’è da dire, però, che forse va ringraziato per aver detto la verità a Fiona, certo poteva farlo in modo diverso, ma è Frank, e non ne combina mai una giusta, basti pensare che è così stupido da farsi truffare, lui che è il mago della truffa, quando paga un sicario per uccidere Sean. Epiche le vendette nei confronti di Sean, e epica anche la scena in cui Kevin, Vee e i Gallaghers lo buttano nel fiume.

Kevin, Vee, Svetlana

Loro tre hanno vinto tutto. Epici e fantastici. Non c’è altro da dire.

Tirando le somme: come ho già detto, tutto sommato è stata una bella stagione, a parte la grande delusione di Lip, l’odio per Debbie e il fastidio provocato dal nuovo fidanzato di Ian. Voi cosa ne pensate?

Flaviarda
Vado a caccia di refusi contro cui scagliarmi. Nel tempo che mi rimane, scrivo invettive contro le serietivù che mi fanno salire il crimine.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi