Risate sicure con The Last Man on Earth

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Un virus cancella la razza umana, un solo uomo si salva. Horror? Fantascienza? Thriller? Niente di tutto ciò. È una commedia ed è geniale. Creata da Will Forte e targata Fox, con i suoi 13 episodi da 20 minuti ciascuno vi terrà incollati allo schermo a furia di “Ma è già finito questo? Dai, ancora uno!”, regalandovi una vera e proprio scorpacciata di risate.

Il pilot da solo raggiunge un livello di epicità difficilmente eguagliabile. Phil Miller (lo stesso Will Forte) ha il mondo intero a sua disposizione e non ha paura di servirsene come gli pare e piace.

Il tempo passa e la solitudine diventa insopportabile, ma proprio quando Phil sta per farla finita – sorpresa! – ecco comparire Carol (Kristen Shaal), figura angelica e salvifica. Sì, magari. Bacchettona, invadente, maniaca dell’ordine, cuoca terribile, Carol sembra essere il peggiore incubo di ogni uomo. L’ultima donna sulla Terra non ha dubbi: il loro destino è quello di sposarsi e ripopolare il pianeta. Phil tenta di rifiutarsi, ma finisce per cedere.

Pessima, pessima decisione! Già, perché i superstiti diventano presto tre con l’arrivo di Melissa (January Jones): bellissima, intelligente, proprio la donna che Phil aveva sempre sognato.

Dopo un incipit così ben scritto, sembrerebbe difficile mantenere alta l’asticella, ma le soprese sono sempre dietro l’angolo. I momenti di stallo sono pochi e durano lo stretto indispensabile per prepararci all’ennesimo colpo di scena; per la noia non c’è spazio.

I riferimenti a opere come Cast Away o Io sono leggenda sono inevitabili, ma la parodia che ne risulta non è mai banale e ben integrata nella trama generale.

I personaggi sono ben caratterizzati ed è impossibile non amarne pregi e difetti. Phil è egocentrico, infantile e tende a prendere sempre le decisioni peggiori, combinando un disastro dopo l’altro.

Carol è semplicemente fantastica; finirete per adorare i suoi maglioni improbabili, le sue battute imbarazzanti, il suo ottimismo naïf verso tutto e tutti.

È difficile immaginare come sia possibile continuare la storia mantenendo un livello così alto, ma il finale, momento di vero e proprio jaw-dropping, chiama a gran voce una seconda stagione. Infatti la Fox si è già data da fare, confermando che il telefilm andrà avanti anche se con un nuovo showrunner, Dan Sterling (The Office, Girls).

Se state cercando una serie poco impegnativa ma di ottima qualità e con il giusto humor, The Last Man On Earth è proprio quella che fa per voi: unica e coinvolgente, da gustarsi tutta d’un fiato.

 

Linda
Geek seriale, drogata di musica e film, Potterhead impenitente. Nel tempo che rimane studio Ingegneria specializzandomi in fotonica, tipo come costruire (spade) laser e come teletrasportarsi (ma non proprio).

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi