Once Upon a Time 5×18 – Ruby Slippers

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Le puntate di Once Upon a Time continuano e io ammetto che ormai non ricordo più perché siamo dove siamo. Non temete, non vi sto per sottoporre un pippone filosofico, sto semplicemente costatando che ormai quello dei personaggi assomigli più a un vagare senza meta che a un preciso piano di azione. Voglio dire, Ade, che compare ai nostri eroi almeno una volta a puntata minacciandoli, non può semplicemente immobilizzarli e buttarli nel Fiume delle Anime Perdute? Forse sto sperando troppo?

Tornando alla recensione di questo episodio, come al solito non ci sono stati passi avanti nella trama orizzontale: siamo ancora bloccati nell’Underworld con il filtro rosso e Regina continua imperterrita a portare quell’orribile cappello.

Come la volta scorsa, ho deciso quindi di procedere per macrotemi per essere breve e soprattutto non perdere la testa cercando di trovare un senso a quello che succede.

Ruby/Dorothy + Mulan-Mai-Una-Gioia

L’imprevedibile svolta della puntata consiste nel coming out di Ruby, che nel solito flashback vediamo innamorarsi perdutamente di Dorothy in 0,2 secondi. In pratica, Ruby seguendo l’odore di Zelena arriva (come?!) nell’Underworld per cercare Dorothy, che è sparita nel nulla. Zelena dichiara di averle fatto qualcosa di terribile, che si rivela essere l’ennesima Sleeping Curse, mentre invece io credevo seriamente che le avesse ucciso il cane. Colpo di scena dei colpi di scena, Ruby torna a Oz con le scarpette di Zelena e risveglia Dorothy con il Bacio del Vero Amore. Insomma, limoni duri in quel di Oz, che a quanto pare è meglio di qualunque bar gay. In tutto questo accendiamo un cero per Mulan, che ancora una volta riesce a farsi friendzonare.

Snow e Charming

I Charming in questa puntata si ricordano nuovamente che abbandonare un infante che ancora non ha messo i denti da latte potrebbe non farli candidare al premio “Genitori dell’anno”. Per risolvere il problema, decidono che deve essere David deve ritornare a Storybrooke, visto che Snow è legata all’Underworld da Ade, che ha scritto il suo nome su una tomba. Con un altro plot twist, Hook decide di tenersi Charming ben stretto (la puntata ha tematica LGBT, d’altra parte) e sostituisce il nome di Snow proprio con quello di David, così che lei possa andarsene insieme a Ruby. Ciao ciao Snow e buona seconda gravidanza a Ginnifer Goodwin, che ha una pancia che fra poco esplode.

Belle

Non so davvero da dove iniziare. Voi avete trovato una parvenza di senso nelle azioni di Belle in questa puntata? Non si rivolge a Rumple per i suoi poteri oscuri e poi si rivolge a chi? A ZELENA. Oh certo, ottima idea. Come ottima è la trovata di automaledirsi con un’altra Sleeping Curse. Voglio dire, come può automaledirsi essere la scelta migliore tra tutte le scelte possibili? Solo lei poteva pensarci. E poi dire a suo marito che vuole essere svegliata da suo padre. MA COME RAGIONI, DICO IO.

Ade e Zelena

A me piacciono, io voglio che governino negli Inferi e continuino il loro regno di terrore. Ho bisogno di veri cattivi, quindi spero che Zelena si riprenda anche la bambina. Sì, perché i ricatti stile “Fai questo e forse ti facciamo rivedere tua figlia” di Regina&Co. sono veramente pessimi, soprattutto quando si vede che Zelena sta soffrendo davvero per questa separazione (ricordiamo che praticamente è riuscita a tenerla in braccio solo una volta, eh). Se non si è capito, io sono Team #DateUnaGioia a Zelena, soprattutto perché forse Rebecca Mader è l’attrice che apprezzo di più in tutto il cast. A questo proposito, aggiungo solo che la scena tra lei e Belle risulta quasi comica mettendo a confronto le loro capacità recitative.

Henry

Vi starete chiedendo, cosa c’entra Henry? C’entra, perché io non ho ancora capito la sua funzione in quanto autore: quando ha portato a David il finale della storia di Ruby, mi sono chiesta: Henry racconta le storie dopo che sono avvenute, tipo cronista oppure le crea di punto in bianco? Perché se le crea e alla fine viene fuori che basta scrivere sul libro “E così i nostri eroi tornarono tutti sani e salvi a Storybrooke” io spacco tutto, ve lo dico.

Appuntamento quindi sempre qui mercoledì prossimo, con la recensione di una puntata che, guardando il promo, mi fa quasi sperare bene, quasi.

 

Valentina
26 anni, lavoro nel marketing, ma non mordo. Credo nel potere curativo del cibo, del the caldo e delle serie tv (poi magari funzionano anche le medicine, non so). Amante di libri con finali tristi. Cerco di convertire tutti i miei amici a Doctor Who (e ci sto riuscendo).

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi