Once Upon a Time 5×07 – Nimue

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Immagino me stessa ricevere un messaggio simile da Merlino, solo che la minaccia incombente non è la Dark Swan ma la trama di Once Upon a Time che, inevitabilmente, non fa che trascinarsi a fatica. Certo, dalla seconda stagione lo show non ha fatto che mostrare una stramberia dopo l’altra, provocando non pochi facepalm, ma almeno un pizzico di dignità era rimasta. Ora, invece, il rapporto tra pubblico e serie si può riassumere così:

Beh, è inutile che mi guardate così: un pesce rosso è più eroico di voi tutti messi insieme.

E non posso fare a meno di invidiare Zelena, nonostante si sia alleata con Artù lo Strunz: promuovere Biancaneve a punching-ball, in effetti, potrebbe solo far bene ai miei poveri nervi, specialmente dopo aver visto questa puntata.

 

Ormai gli obiettivi di Once Upon a Time si sono ridotti a due: rendere sempre più ridicoli e inutili i suoi eroi e mostrarci un Hook tormentato, frustrato e follemente innamorato, cosa che ci piace tanto e del quale non ci lamentiamo di certo.

 Per quanto riguarda il primo punto, invece, la situazione è allarmante: se fossi una povera donzella in difficoltà e, disgraziatamente, capitassi a Storybrooke, probabilmente farei un’orrenda fine perché gli eroi sono dei veri e propri incapaci. E non parlo solo della vecchia cumpa inutile, capeggiata dalla Charming Family, ma anche dei nuovi personaggi. Prendete Merlino, ad esempio: non solo l’attore è un vero cane a recitare, ma il suo personaggio è stato la causa di… beh, di TUTTO. Perché forse, e dico FORSE, trasformare il Graal in una spada non è stata esattamente la più brillante delle idee.


Il bello è che Merlino si stupisce della serie di sfortunati eventi che quella spada andrà a causare, primo tra tutti la creazione del primo Dark One che, ehi!, è Nimue, la sgnacchera che ha fatto perdere tutti i neuroni al mago più famoso di tutti i tempi. Se si conosce anche solo un po’ il mito arturiano, non è certo una sorpresa: infatti anche nelle leggende è proprio la strega Nimue ad imprigionare Merlino in un albero.

nimue merlin burne-jones

Ovviamente Once Upon a Time stravolge pure questa coppia, trasformandola nella versione farlocca di Edward Cullen e Bella Swan (che, diciamolo, erano farlocchi già di loro). Merlino, infatti, è immortale (grazie al magico calice che lui, molto intelligentemente, ha voluto trasformare in un’arma) e anche Nimue vorrebbe esserlo, in modo da poter vivere felici e contenti. Comunque, ehi, insieme sono proprio una coppia azzeccata: lui pirla, lei decerebrata (“No… ma… ho finto per qualche minuto la mia morte per farti capire che la morte è una cosa orribile e…” – no, Nimue, ciò che dici non ha senso). E poi fanno entrambi parte del club “amici del cappuccio misterioso”.

Inutile sottolineare quanto la genesi di Nimue sia semplicemente ridicola e, solo per la sua idiozia, Merlino meriterebbe la pena capitale: è stato un albero per qualche secolo, in effetti, ma evidentemente questa punizione non è bastata perché, nonostante tutto lo sbatti, Emma alla fine ha riunito Excalibur e il pugnale grazie ad un pezzo di carbone (sic). Insomma, nel flashback la sua parte oscura ha perso: nel presente, però, so’ cazzi amari. E, a fine puntata, mi ritrovo con qualche tic.

Ora, se non volete spoiler del doppio episodio di settimana prossima (doppia dose di Once Upon a Time, yeah! Valentina sarà sicuramente contentissima di commentare tutto quanto), non andate oltre. Perché c’è un’immagine che, allo stesso tempo, mi rallegra e mi spaventa:

emma hook ouat

Il Bell’Addormentato nel Prato ci aspetta per settimana prossima, oncers.

Vain
Gattofila Serpeverde, attendo invano che Robb Stark resusciti come licantropo; Tennant ha invaso camera mia con la sua faccia; ho un'insana mania per i musical e per tutto ciò che fa rima; leggo #UnFumettoAlGiorno e scrivo per Blue Box Series e Mangaforever; intanto, vado a caccia di idee per sceneggiature e cose varie.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi