MUST WATCH #23: DEREK

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Il MUST WATCH #23 è DEREK

Ricky Gervais sembra un coglione, ma in fondo in fondo non lo è.  Con la sua ironia è una di quelle persone che dà fastidio perché la linea che separa la pura crudeltà dalla satira è decisamente sottile in quello che fa. Dopo aver dato vita allo stile mockumentary e David Brent con The Office nel 2001, nel 2012 su Channel 4 realizza Derek, aka una delle serie tv più sottovalutate nella storia delle serie tv sottovalutate. La storia racconta la vita di Derek, un quarantanovenne con problemi mentali, e dei suoi amici, un gruppo di sfigatoni inglesi che lavorano e vivono in una casa di riposo. Derek a causa della sua ingenuità fanciullesca, mancanza di inibizioni e della sua scarsa intelligenza viene ridicolizzato ed emarginato dalla società, ma in realtà ci regala una delle lezioni di vita più belle e che andiamo cercando: la gentilezza.

Ora gli episodi in tutto sono 14 – solo perché le stagioni sono due – e durano poco più di 20 minuti l’uno (ed è presente su Netflix – ndr) – ma direi che sono abbastanza da farvi versare tutte quelle lacrime che state trattenendo per un finale di stagione di una serie che non avrete mai.

Forse vi ho spaventati, ma direi che con questi ulteriori 5 punti esplicativi non potete tirarvi indietro:

  1. Se arrivate alla fine del primo episodio senza versare una lacrima venite a cercarmi perché vi offro un pranzo
    giphy
  2. Hamster on a Piano!
  3. Personaggi come Kev ti fanno capire che “nulla è perduto”
    tumblr_n65dvtgAJx1t6s2lgo1_500tumblr_n5igqcd0u91rx9ah1o1_400
  4. Derek si pone sempre domande importanti
    tumblr_mt50dobsPg1sbuideo1_540
  5. Ti lascia quella voglia di provare nuovi hobby
    tumblr_natxemikZZ1rtp9oho1_400tumblr_natxemikZZ1rtp9oho2_400tumblr_natxemikZZ1rtp9oho3_400tumblr_natxemikZZ1rtp9oho4_400tumblr_natxemikZZ1rtp9oho5_400tumblr_natxemikZZ1rtp9oho6_400

Irrimediabilmente nerd. Nasco Binge-Watcher e muoio Browncoat. Credo nell’esistenza del Bigfoot e in tutto ciò che trasuda trash. HEY STELLLLLAAAA!

You may also like...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi