Must Crush: Gillian Anderson

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Soltanto la prima foto dovrebbe bastarvi per far smettere di funzionare il vostro cervello. Con la seconda dovreste essere già su una zattera per cercare di non affogare nella vostra bava.

Perché non sto esagerando. Bionda, Mora o RedHead non fa la differenza. E non importa a che specie animale appartieni. Non importa il tuo orientamento sessuale. Non importa il tuo credo. Entrerai necessariamente in fissa con Gillian Anderson nel corso della tua vita. Lei, però, nasce il 9 Agosto del 1968 a Chicago in una famiglia very British e di anni oggi ne ha 46 (stigrancazzi aggiungerei). Cresce in Inghilterra fino agli 11 anni, quando la sua famiglia decide di trasferirsi nel midwest americano, in Michigan. Non temete non è colpa vostra se non capite cosa succede quando la vedete: Gillianona è una delle poche attrici e persone biaccentali, cioè parla inglese e americano con un accento impeccabile che cambia a seconda del contesto e delle persone con cui si trova a interagire, fornendoci una motivazione non indifferente per sbavare sulla sua bravura.

Non che ci interessi quello che ha fatto prima di X-Files: ringrazieremo sempre e per sempre Chris Carter per aver lanciato la sua carriera a soli 24 anni, rendendola una delle icone televisive dell’età moderna, dove la vediamo praticamente crescere sia fisicamente che qualitativamente. Però non fatele domande su questo mondo perché si ricorderà soltanto di Bad Blood – che anche i muri sanno essere il suo episodio preferito (episodio della 5 Stagione – ndr) -, dei peggiori BTS, di David Duchovny con lo speedo rosso addosso e la pioggia di Vancouver. Ma non necessariamente in questo ordine. Eh sì, la memoria non è il suo forte!

Piercing, tatuaggi, chemistry a palate con ogni suo coprotagonista (uomo, donna e non), orientamento sessuale incerto – e il fatto che i suoi due ex mariti fossero dei cessi a pedali doveva farci capire le tendenze di Gillianona già in passato – ci permette di riassumere questo Must Crush in “Ti amiamo perché un pochino Zozza lo sei” (vedi seconda foto che esprime a dovere questo sentimento – ndr). Quando una donna è bella, è bella. PUNTO. Se poi è anche brava, PUNTO ESCLAMATIVO.

Dobbiamo dircelo però, è un po’ hipster ed è affascinata dal cinema indipendente, e soprattutto, dal teatro – è BRITISH NON PUO’ ESSERE DIVERSAMENTE – e le motivazioni che la spingono a fare film sono la fregnezza dei suoi coprotagonisti e la trama impegnata: il fatto che volesse apparire in Californication solo per bombarsi Hank Moody, va al di là del suo legame affettivo col protagonista. E ricordiamoci che non disprezza le cene con Mads Mikkelsen.

Quasi una di noi insomma.

Classe, eleganza, bravura e bellezza sono un mix letale quindi. Tutto in 160 centimetri scarsi. Ma forse finora non vi ho convinti abbastanza. Vi do altre 5 motivazioni visive che dovrebbero fare al caso vostro:

  1. La sua spontaneità e la sua risata. Se non ti contagia non hai un cuore.
  2. Possiede abilità nascoste importanti di cui tutti noi dovremmo testarne gli effetti.
    PX1154310845979498_3124504bAN57936270LONDON ENGLAND -848450_636x357
  3. Occhi che paralizzano e ti incollano allo schermo (“I do not GAZE at Scully!” cit.).tumblr_no8znwjZBv1r4ina5o2_500
  4. Domina nella nobile arte del “suonare il Tamburello”.
    tumblr_nock5fP8Ip1r5rfsmo5_r1_250 tumblr_nock5fP8Ip1r5rfsmo4_250
    tumblr_nock5fP8Ip1r5rfsmo3_250 tumblr_nock5fP8Ip1r5rfsmo1_250
  5. Puoi tranquillamente passare ore a fissare le sue GIFs.
    tumblr_nnwee1j6HL1si9fjqo1_540

Le tre opere da non perdere: 

  1. X-Files, come ho già espressamente dichiarato sopra è il Must Watch se vuoi innamorarti perdutamente di lei.
  2. The Fall, lentezza a parte, per apprezzarla in tutta la sua britishness.
  3. A Teatro – NO MATTER WHAT – in qualsiasi cosa faccia. Street Car Named Desire (2014) è stata la sua ultima performance nei teatri Londinesi, dove ha decisamente spaccato i culi.

Bonus:

  • Ha scritto, oltre a un episodio di X-Files (storico per gli esperti – All Things 7×17), un libro in collaborazione con Jeff Rovin dal titolo A vision of Fire e direi che se siete dei fan del genere thriller para-fanta-psico-scientifico non potete perdervelo.
Irrimediabilmente nerd. Nasco Binge-Watcher e muoio Browncoat. Credo nell'esistenza del Bigfoot e in tutto ciò che trasuda trash. HEY STELLLLLAAAA!

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi