Halt and Catch Fire: Chat, Games & Virus

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Siamo ormai ad estate inoltrata e molte serie, ahimè, sono già terminate: serie come Halt and Catch Fire, una piccola perla sottovalutata che, però, merita di oltrepassare l’anonimato degli show “tappa-buchi” estivi. La seconda stagione è finita pochi giorni fa e ancora la AMC non ha deciso se rinnovare o meno la serie: dopo un primo rinnovo già incerto, appoggiato però dalla critica, riuscirà H&CF a resistere per un’altra assolata estate?

halt and catch fire

Ma bando alle ciance.
L’anno scorso avevamo lasciato i nostri quattro protagonisti  alle prese con nuove scelte professionali che, come s’è visto già dalla prima puntata di questa nuova stagione, hanno finito con l’influenzare inevitabilmente la loro vita privata. Non a caso questo show ha iniziato a diventare veramente interessante quando l’attenzione si è concentrata maggiormente sui personaggi, sul loro passato e sulle loro ambizioni: Joe MacMillan, il (figo) sales manager disposto a tutto – anche ad ingannare i propri colleghi – pur di raggiungere i propri scopi; Gordon Clark, ingegnere informatico geniale ma infantile, con qualche piccolo problema nel cervello (sono una Gordon Hater, abbiate pazienza); sua moglie Donna, decisa a riprendere in mano la sua carriera nel mondo dell’informatica (lei, invece, è gagliardissima: lo sono tutte le Donna con i capelli rossi, credo); e Cameron Howe, giovane programmatrice di talento a cui poi si impara a voler bene (sì, perché all’inizio è un po’ una testa di…).

cameron donna

Se durante la prima serie eravamo abituati a vedere il quartetto praticamente sempre insieme, nella seconda ognuno ha seguito una propria storyline (non che prima non accadesse, ma ora la cosa è più accentuata): il Giant è uscito sul mercato (a proposito: la pubblicità è fantastica!) e non c’è nessuna ragione che possa tenere unito il gruppo, in particolar modo Joe “vichingo piromane” MacMillan e Gordon (che, a quanto pare, s’è deciso a rimanere sbarbato). Solo Cameron e Donna continuano a lavorare insieme nella Mutiny, una sorta di pazza società di nerd il cui scopo è quello di riuscire a collegare le persone grazie ai computer e alle reti telefoniche (vi ricorda qualcosa?). Nella prima stagione non avremmo mai immaginato che due personaggi così diversi potessero allearsi, ma quello che hanno in comune è più che sufficiente: hanno un progetto da portare avanti e ci credono, fermamente… Nonostante facciano saltare la corrente all’intero vicinato e trascorrano le serate a rubare computer: ma, ehi, da quando in Halt and Catch Fire si segue la via della legalità?!

joe and gordon

Joe durante la seconda stagione abbandona momentaneamente il completo giacca e cravatta: ma ci piace parecchio anche così. In fondo, Lee “Thranduil” Pace può indossare qualsiasi cosa.

Inoltre i ruoli di Gordon e Donna sembrano essersi invertiti: se, prima, era lui a mettere in secondo piano la famiglia, ora tocca alla moglie ritornare a casa dal lavoro tardi, il tutto mentre si scopre che Gordon ha veramente qualcosa che non va nel cervello (figuriamoci se, quando tutto per una volta gli va bene, non succedeva qualcosa di brutto). Ma quello che maggiormente è cambiato è Joe: si è reso finalmente conto che FORSE dar fuoco ad un camion pieno di computer non è stata una delle sue idee più brillanti, e la sua redenzione si completa una volta che si ritrova senza un soldo… Ma Joe MacMillan è, oltre che un bastardo approfittatore, un visionario: non ci rimette molto a tornare in carreggiata.

Ah, e nel corso dell’ultima stagione s’è trovato pure una nuova fidanzata. Anzi, moglie. Tale Sara. Per fortuna non è durata a lungo: in una puntata si sposano e in quella dopo già divorziano. Ecco cosa succede, a mettersi in affari con tuo suocero e con la tua ex allo stesso tempo… specialmente se per la ex la “V” sta sia per “Vendetta” che per “Virus”.

Non che la relazione tra Cameron e Tom sia andata meglio, ma tant’è: ditemi se c’è una relazione che funziona, in questo show.

tom halt and catch fire

Le ultime parole famose.

Ad essersi maggiormente evoluto, comunque, è sicuramente il rapporto tra Cameron e Donna: prima agli antipodi, poi “colleghe per caso”, verso la fine addirittura rivali. Ebbene sì, perché Cameron ha fondato Mutiny soprattutto per proporre nuovi giochi online, non certo per vedere Community, vera e propria chat nata da un’idea di Donna, catturare l’interesse di quasi tutti gli iscritti. Tuttavia, Cameron è notevolmente maturata rispetto alla stagione scorsa e riconosce il compromesso: se vuole “sfondare” con Mutiny, deve riconoscere il valore di Community (nonostante nella serie vengano mostrati già gli aspetti negativi degli incontri online, attraverso l’aggressione di Malcolm). Le due donne fanno anche “fronte comune” per sbarazzarsi della “tossicità” di Joe, come visto nella penultima puntata. Parlando di quest’ultimo, in un solo episodio lo vediamo passare da una situazione di completo abbattimento (sia carriera che vita privata sembrano senza sbocco) ad una che, invece, fa ben sperare (chissà se la leggenda metropolitana delle aziende che inventano sia il virus che l’antivirus si risulterà essere vera).

joe mcmillan halt and catch fire

“Mr. McMillan è pronto a riceverla” [semicit.]

Comunque, la fine di questa stagione segna definitivamente un nuovo inizio per tutti i personaggi, intenti a raggiungere la “terra promessa” dell’informatica: la California (e fu così che mi partì la theme di O.C., lol). Le relazioni tra i personaggi sono radicalmente cambiate: Donna e Gordon sono in crisi, Cameron e Donna sono diventate BFF. E poi c’è l’incognita, Joe, e già ci chiediamo come si ricollegherà con il resto della gang nel corso di una terza stagione che, ahimè, non si scorge ancora all’orizzonte. Se nelle prossime settimane saremo costretti a dire addio ad Halt and Catch Fire, sforziamoci almeno di ricordare al meglio il team di Mutiny:

mutiny halt and catch fire

Vain
Gattofila Serpeverde, attendo invano che Robb Stark resusciti come licantropo; Tennant ha invaso camera mia con la sua faccia; ho un'insana mania per i musical e per tutto ciò che fa rima; leggo #UnFumettoAlGiorno e scrivo per Blue Box Series e Mangaforever; intanto, vado a caccia di idee per sceneggiature e cose varie.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi