Grey’s Anatomy e la fine che non c’è

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Siamo finalmente giunti alla fine di questa travagliata undicesima stagione. Giovedì 14 maggio è andato in onda negli U.S.A. il finale di stagione di Grey’s Anatomy. La puntata pare non aver soddisfatto il pubblico, che si è espresso in commenti del tipo “Tutto qua? Mi aspettavo un po’ di più“, “Nessuna catastrofe?“. Insomma, per la maggior parte dei fan  questo season-finale è stato un po’ sottotono rispetto agli episodi conclusivi delle stagioni precedenti.  Cari fan, vorrei dirvi che forse state dimenticando un dettaglio non irrilevante:

Meredith

Sì, Derek Shepherd è morto. Cos’altro sarebbe dovuto succedere quindi? Chi altro sarebbe dovuto morire per farvi dire “Oh, che bel finale di stagione“? La puntata vi è sembrata piatta perché ormai la bomba era già stata sganciata episodi fa. Poi lasciate che vi ricordi cosa ci ha riservato questa stagione:

  • Niente Cristina
  • Callie e Arizona si sono lasciate
  • Ai Japril è morto il figlio
  • Amelia e Owen hanno troncato sul nascere la loro relazione
  • Derek è morto

Non è abbastanza?

Tutto sommato questa puntata è stata piacevole, nonostante la totale mancanza di storyline per Callie e Arizona che, da quando si sono lasciate, sembrano aver perso persino il diritto ad avere una scena sullo schermo, non solo insieme, ma anche singolarmente, soprattutto Arizona, ridotta a personaggio fantasma. Un episodio che si lascia guardare, senza troppe pretese e con la sospensione di giudizio critico che, ormai, abbiamo dovuto abbandonare stagioni or sono.

Ci sono stati coltelli girati con maestria nella piaga come solo Shonda sa fare, ovvero con i flashback sulle note di How to Save a Life. Un colpo basso, questo, un colpo davvero basso.

Derek

Ci sono state persino scene di autoironia da parte di Meredith, che in questo episodio  fa da guru un po’ a chiunque, prima, a Webber e Chaterine, e lo fa con un pappone che sa di carpe diem con l’aggiunta di un memento mori. Webberricordati che le tue donne muoiono, Ellis è morta, Adele è morta. In sostanza, quello che Meredith voleva dire è: Catherine, tira tu le tue conclusioni, non sappiamo se anche tu sia perseguitata dalla sfiga, ma venitene ad una, fatela finita con questo tira e molla.

Meredith2

Poi, a Maggie,  che per tutta la puntata si aggira piangendo, con la coda tra le gambe, facendo sorgere alla sorella l’ovvio dubbio:

Morto

No, non è morto nessuno stavolta, solo i suoi genitori stanno divorziando. Che sarà mai Meggie, benvenuta nell’universo Shondaland, dove anche le coppie che non si vedono, si lasciano drasticamente. Poi, ricorda, c’è sempre chi è messo peggio:

Mer

Mentre c’è chi festeggia per il barlume di speranza per la ship Owen-Amelia e per la decisione di Jo e Alex di metter sù casa insieme, c’è chi si stappa i capelli per la scena che questo finale di stagione ha riservato a April e Jackson, confermando il #maiunagioia con cui erano stati marchiati per tutta la stagione. Che poi diciamocelo, non è un finale se qualche coppia non scoppia, sicchè..

Japril

Il tutto si conclude con una bella immagine del trio “tutte le sfighe a noi” (Meredith-Amelia-Meggie) riunito a mò di nuova famiglia, tanto da far pensare che questa puntata poteva, di fatto, essere una perfetta conclusione di tutta la serie. Voi che siete fan dei Japril state imprecando, lo so, però voglio dire, sarebbe stato un perfetto “finale aperto”, come si suol dire, ideato per dare sfogo all’immaginazione del pubblico. E invece no, invece a settembre saremo ancora qui, con una 12 stagione, perché non sia mai che Shonda accetti di appendere le scarpe al chiodo per evitare di peggiorare la situazione.

sisters

Quousque tandem abutere, Shonda, patientia nostra? (ndr: fino a quando abuserai della nostra pazienda, Shonda?).

Flaviarda
Vado a caccia di refusi contro cui scagliarmi. Nel tempo che mi rimane, scrivo invettive contro le serietivù che mi fanno salire il crimine.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi