Gonna e parrucca: Vanity Fair al maschile (sort of)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Tempo di lettura previsto: 4 minuti

Non è un segreto che tutte molte delle nostre crush ci abbiano rovinato la vita a causa della loro perfezione: questo concetto è uno dei capisaldi della fangirl disfattista, ma anche le altre categorie di “ammiratrici” (tanto per usare un eufemismo: seriamente, ci vorrebbero più sinonimi di “fangirl”) ogni tanto non possono fare a meno di pensare “Acciderbolina, my crush, ma non puoi essere un po’ meno perfetta?!” (e questo, sì, rientra sicuramente tra i Problemi della vita, con la “p” maiuscola)
Immaginate quindi lo struggimento, quando quella crush conferma la propria perfezione anche con un paio di tacchi e una parrucca cinese.

Br6dujiCIAQml2q

James McAvoy è il suo rendez-vous con Mademoiselle Fassy, altrimenti detta “the belle of Dublin city”.

Qui, però, è necessario fare una divisione in tre categorie. Le nostre crush maschili, infatti, possono avere fondamentalmente tre ragioni per indossare abiti solitamente associati alla sfera femminile, ossia:

  • devono interpretare un personaggio dalla sessualità ambivalente;

  • devono minare la nostra autostima (ed ecco l’antico detto “ma quello ha le gambe più belle delle mie!”);

6a7f0cdea9b9f99503096f43370a95d0

  • devono fare i pirletta;

Ma potremmo adottare un altro tipo di classificazione (ovviamente, data la natura scientifica di questo articolo, è possibile adottare più classificazioni: scegliete voi quella che preferite), ossia:

1. Gli Inquietanti

Sono quelli che non ti aspetti, quelli che li guardi e dici “Ma no, non può essere lui!!”, e invece è proprio così. Lasciamo poi perdere il fatto che abbiano movenze più aggraziate delle nostre, sorrisi più affascinanti dei nostri, gambe migliori delle nostre (e depilate), nonché una laurea honoris causa in Sfilata Disinvolta su Tacchi Vertiginosi.

197dfecaef22997450fb442fcbd4b0cf

Cillian Murphy in “Breakfast on Pluto”, 2005

 

eddie redmayne danish girl

Eddie Redmayne in “The Danish Girl”, 2015

jared leto dallas buyers club

Jared Leto in “Dallas Buyers Club”, 2013

 

jared leto candy

d9fdba1ebc39f39cef2442d8e5c32e61

Lee Pace in “Soldier’s Girl”, 2003

 

2. Quelli a cui vogliamo bene

Non riesco a trovare una definizione precisa per loro: diciamo pure che sono quelle crush che, con aggiunta di trucco e parrucco, non possiamo fare a meno di amare ancora di più. Capirete al volo con alcuni esempi…

  • John Barrowman

 

john barroman1

John Barrowman in “La Cage aux Folles”, 2009

8faa8bb4d106a1c9fd226bee96c080d3 tumblr_lszls7LLLR1qeiaywo1_400

  • David Tennant
Rab-C-Nesbitt-Screepcaps-david-tennant-2039873-400-307

David Tennant in “Rab C. Nesbitt”, 1993

dae70d9290534cbf7f9ed339541948ec

  • Neil Patrick Harris
neil patrick harris hedwig

Neil Patrick Harris in “Hedwig and the Angry Inch”, 2014

hedwig

  • Peter Capaldi
gallery_uktv-doctor-who-peter-capaldi-8

Peter Capaldi in “Prime Suspect 3”, 1993

 

3. I classici

Sono piccole e grandi iconografie che hanno fatto del cinema e della televisione un posto migliore. Non ci credete?

David-Duchovny-Twin-Peaks-Clip

David Duchovny in “Twin Peaks”, 1990

tumblr_lg5e1611nl1qf0yrao1_500

Hugo Weaving in “Priscilla – La Regina del Deserto”, 1994

michael-j-fox-cross-dressing-back-to-the-future-part-2

Michael J. Fox in “Ritorno al Futuro – Parte “, 1989

4. I Bonus

Regalo speciale per chi è arrivato fino alla fine dell’articolo (mi complimento). Anzi, i regali sono tre:

article-2513605-19A57CF300000578-80_306x511

Sean Bean in “Accused”, 2012

edfd80161f6bd05b0c85a8008c398b19

Ben Whishaw in “Cloud Atlas”, 2012

benedict cumberbatch1

Benedict Cumberbatch as Benedetta Cumberbaccia.

Dopo una sfilata simile, esistono ben pochi modi per concludere in modo dignitoso, oltre che con un grande applauso: per fortuna c’è David Tennant, sempre pronto a rubarci le parole di bocca con reaction gif azzeccate e adatte per ogni occasione (così l’autrice del post può anche fare a meno di impegnarsi troppo: grazie, Tennant, per assecondare la mia pigrizia).

Vain
Gattofila Serpeverde, attendo invano che Robb Stark resusciti come licantropo; Tennant ha invaso camera mia con la sua faccia; ho un'insana mania per i musical e per tutto ciò che fa rima; leggo #UnFumettoAlGiorno e scrivo per Blue Box Series e Mangaforever; intanto, vado a caccia di idee per sceneggiature e cose varie.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi