Doctor Who e le reazioni del bloody Twittah #2

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Seconda settimana della rubrica che mi consente di stare ancor di più su Twitter con la scusa “lo sto facendo per una causa utile, ho una missione da svolgere”.

La realtà è che avere l’ennesimo pretesto per fangirlare sul Dottore e allo stesso tempo per (ri)leggere tweets che mi fanno piegare dalle risate era una tentazione troppo forte per non assecondarla.

Anche il terzo episodio si è concluso con un dannatissimo cliffhanger BBC TI ODIO  e come sempre, chi durante il live tweet, chi subito dopo la messa in onda dell’episodio, e chi persino a distanza di qualche giorno, ognuno si è sentito ancora una volta mosso da quell’esigenza di tradurre a parole e in frasi da 140 caratteri quei pensieri e spesso soltanto quei versi deliranti che invadono la nostra materia grigia (spoiler: sì, ce n’è comunque rimasta un po’) durante la visione di una nuova puntata di Doctor Who aka la serie tv degli scleri per eccellenza.

I whovians…

… La reazione dei non-Whovians. (Oookay, era solo l’ennesimo malcelato tentativo di spammarvi un Tennant, scusate)

Ma quali insegnamenti sono emersi dalla 9×03?
E quali profonde riflessioni sono scaturite dalla visione di Under the Lake?
Vediamolo attraverso i vostri tweets:

Per questa serie siamo pronti a compiere acrobazie di cui non ci saremmo mai ritenuti capaci.

 

Ma anche prove di coraggio che nessuno avrebbe mai pensato possibili. 

 

 “PERCHE’ HO GUARDATO DI NUOVO DOCTOR WHO PRIMA DI ANDARE A LETTO, BLOODY HELL, PERCHE'”. 

 

Doctor Who ci ha insegnato le doti di sintesi e di eleganza, unite insieme indissolubilmente.

 

Capaldi nuovo Dio, nuova versione del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

 

Non importa quanto tempo possa passare, un ruolo da infame macchierà a vita anche la più inutile comparsa. (Sì, si merita cattiveria perché in The Missing andava odiato male malissimo)

 

L’ego smisurato sì, ma solo se sei il Dottore, please.

 

I whovians sono i primi a battere le notizie ANSA, scansateve tutti.

 

Perché noi non dimentichiamo e abbiamo sempre un pensiero per chi c’è stato prima.

 

E con questa frase melensa (mi è entrato un TARDIS nell’occhio, perdonatemi) si conclude anche per questa settimana la rubrica più seria e sicuramente più utile del web!
Grazie a voi e miraccomando, twittate, twittate e twittate.
Ma, in fondo, che ve lo dico a fare.

 

Ps: se non lo avete ancora fatto, correte a leggere il nostro commento a otto mani alla 9×03!

Elisa
Aspirante companion del Dottore. Ho venduto la mia anima alle serie tv britanniche e non mi sforzo neanche per riaverla indietro. Mi struggo per la perfezione di David Tennant, mi innamoro di attori quarantenni che non incontrerò mai, fangirlo su ogni serie tv esistente e mi lamento della vita.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi