Cosa sappiamo davvero della quarta stagione di Sherlock?

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

AGGIORNATO 11/05/2015

DISCLAIMER: Ho deciso di scrivere questo articolo essenzialmente per cercare di evitare che vi facciate ulteriormente del male guardando le foto della Sherlocked. Per rimanere amici, è giusto avvertirvi che ci sono degli spoiler sulla season 4 di Sherlock (e anche sulle precedenti stagioni, ovviamente), ma nulla che ha a che vedere con il cosiddetto setlock. Qui troverete solo ciò che è stato dichiarato da autori, attori e BBC sulla prossima stagione e i miei eventuali deliri. Se non volete sapere niente di niente, sarò un po’ triste ma vi capirò.

 

Inizio col dire che io non sono per niente una persona paziente. Fin da quando ero piccola aspettare qualunque cosa è sempre stata un’agonia, ma, si sa, la vita a volte ti mette a dura prova e quando ho iniziato a vedere Sherlock non sapevo che avrei iniziato in contemporanea un percorso che mi avrebbe portato a ridefinire il mio concetto stesso di “attesa”. D’altra parte, così come non è niente la vita dell’Uomo rispetto a quella della Terra, così non è niente la pausa tra le stagioni di una qualunque serie televisiva rispetto a quella che c’è tra le stagioni di Sherlock.

Cosa non si fa per Benedict Cumberbatch una serie tv, giusto?

Per chi vivesse sulla Luna, Sherlock è una delle serie tv targata BBC di maggior successo e una delle più vendute al mondo. Tutto è iniziato nel lontano 2010, quando due diabolici tizi si sono messi in testa che fosse una buona idea trasportare Sherlock Holmes nel 21esimo secolo. Detto così sembra una minchiata, ma è effettivamente stata una buona idea.

Fatto sta che la BBC, regina del male, ha deciso che Sherlock avrebbe avuto tre episodi a stagione, della durata di 90 minuti ciascuno e che, essendo gli attori molto impegnati a conquistare la Terra di Mezzo o ad apparire in ogni singolo film esistente, era perfettamente ok che ci fossero due anni di pausa tra una serie e l’altra.

DUE ANNI.

Se fosse stata una serie normale e scritta da gente normale forse il mondo si sarebbe dimenticato di Sherlock nella pausa tra la prima e la seconda stagione. Invece, nel momento in cui è finita la 1×03 (e forse ancora di più dopo la 2×03), è iniziata quella che definisco la psicopatia collettiva del fandom: teorie cospirazioniste e, ovviamente, hard shipping sfrenato (delle coppie che volete, ma d’altra parte la gente vede Watson e Holmes come coppia dal 1887 e chi siamo noi per cambiare l’andazzo?).

È inevitabile, quindi, che in questi anni di pausa i telefilm addicted ricerchino notizie attendibili e spoiler su questa serie come i crociati cercavano il santo Graal. Il vero problema è capire quali siano le dichiarazioni attendibili.

“Quelle degli autori”, direte voi.

SBAGLIATO!

 

Perché gli autori mentono, mentono, MENTONO! Noi poveri fan, però, dobbiamo trovare conforto e, ahimè, le parole dei diabolici Moffat e Gatiss sono ancora quelle a cui ci aggrappiamo più volentieri.

Per non pensare a super eventi che stanno avvenendo a migliaia di chilometri di distanza, ho deciso dunque di fare un po’ di ordine riassumendo in 8 punti tutto ciò che sappiamo riguardo la quarta serie di Sherlock, in base alle dichiarazioni degli autori, degli attori e della BBC, cercando di lasciare fuori le mie elucubrazioni (spoiler: non ci sono riuscita). Vi ricordo di prendere tutto con le pinze (sì, anche ciò che è stato – o non stato-  detto dalla BBC).

1. La quarta stagione sarà composta, eccezionalmente, da quattro episodi

Ma aspettate a cantare vittoria: un episodio è già stato girato e verrà messo in onda quest’anno, mentre gli altri tre sono ancora un mistero.

 

2. Il primo episodio della quarta stagione sarà uno Speciale

Tutti gli attori parlano di “Speciale di Natale”, ma in realtà la BBC non ha ancora confermato. È comunque probabile che sarà messo in onda a Natale per il semplice motivo che la BBC ama farci piangere in questa giornata gioiosa (Merlin, anyone?).

 

3. Le prossime puntate saranno (probabilmente) girate il prossimo anno

Stando almeno a quanto ha dichiarato su twitter Amanda Abbington, anche se in realtà né la BBC, né i cari autori hanno ancora confermato.

 

A logica questo può far pensare che probabilmente i restanti episodi saranno messi in onda a fine del 2016 o -non riesco nemmeno a scriverlo- inizio 2017. In pratica, la prima volta che ho visto Sherlock avevo appena iniziato l’università e quando vedrò l’ultima puntata della quarta stagione avrò due lauree. Alla fine della sesta stagione sarò già nonna.

Aggiornamento del 11/05/2015

Ieri sera ai Bafta è stato confermato che i restanti tre episodi della quarta stagione saranno girati nella primavera del 2016, che in pratica conferma effettivamente che, dopo le Speciale, rivedremo Sherlock all’inizio del 2017.

Immagine Immagine2

Gli ultimi aggiornamenti comunicano che da oggi i periodi geologici non si misureranno più in miliardi di anni, ma in pause tra le stagioni di Sherlock.

 

4. Lo Speciale sarà ambientato nel 1895

Questa è una notizia fresca fresca. L’immagine ufficiale e anche quelle dal set già non lasciavano dubbi: i nostri Sherlock e John abbandoneranno pc, cellulari e microscopi per baffi, cilindri e redingote.

“Ehi, guarda John! Stanno provando a capirci qualcosa!”

 

Sì, lo so, siete confusi, ma fidatevi, lo siamo tutti.  Si era pensato addirittura a una festa in maschera, di un crossover con Doctor Who (e, veramente, non so come la prenderei in questo caso), ma la dichiarazione di Gatiss non lascia molto spazio a fraintendimenti: andremo proprio nel 1895. Ora, so che avevo detto che non l’avrei fatto, ma spazio alle riflessioni: cosa sappiamo di questo anno?

  • Che è fondamentale in quanto definito dallo stesso Watson nei racconti l’anno di maggior produttività di Holmes.
  • And it is always eighteen ninety-five.è un famosissimo verso della poesia 221B scritta da Vincent Starrett (sherlockian di vecchia data e autore di “The private life of Sherlock Holmes”) dedicata proprio al nostro duo (qui se volete leggerla).
  • 1895 – how convenient – è anche il numero delle visualizzazioni del blog di John.

Cosa possiamo trarre da questi dati? Non lo so, perché non sono Sherlock Holmes e non sono nemmeno un’autrice trollona. Sappiate quindi che se vi fa male la testa è completamente normale.

 

5.  Moriarty

Sempre Mark Gatiss ha dichiarato  che

“We have to show how Moriarty is back from the dead and what he has planned. The answer to how Moriarty faked his death will be in the special season.”

Ah.

In pratica ci diranno come Moriarty ha finto la sua morte nello Speciale ambientato nel 1895. Lo stesso speciale che Steven Moffat in persona, giusto qualche mese dopo, ha dichiarato essere

“It’s not part of the run of three episodes. [Co-creator Mark Gatiss] and me, we wanted to do this, but it had to be a special, it had to be separate entity on its own. It’s kind of in its own little bubble.” 

Quindi, in breve: lo Speciale ci spiegherà come Moriarty è sopravvissuto MA la puntata sarà comunque una cosa sé, che non fa parte della serie vera e propria.

E il mal di testa intanto aumenta.

 

6. Si faccia una domanda e si dia una risposta

Sull’onda inconsapevole del Marzullo’s style, Moffat ci ha comunicato che “la quarta stagione risponderà a domande che nessuno ha fatto, in particolare c’è una cosa che nessuno ha notato e di cui nessuno ha parlato”, aggiungendo anche che, a quanto pare, questo particolare è proprio sotto al nostro naso. Potremmo sbattere la testa al muro dando mille interpretazioni a questa frase: per il momento non me ne viene in mente neanche mezza (ormai ho un approccio “Let it go” alla Elsa), ma secondo me, conoscendo i soggetti, sarà una cosa semplicissima a cui, appunto perché troppo ovvia, nessuno ha mai pensato. Io comunque sono sempre aperta ad ascoltare teorie, quindi se volete sparatele grosse nei commenti o twittatele.

 

7. Previsioni per la Season 4 : il bicchiere mezzo pieno

Secondo il buon Moffat:

“[Season 4] is going to be… I suppose you’d say… consequences. It’s consequences. Chickens come to roost. It’s dark in some ways—obviously it’s great fun and a Sherlock Holmes romp and all that—but there’s a sense of… things… coming back to bite you.”

Beh, questa cosa mi fa davvero ben sperare, perché nella terza stagione ci sono stati molti fatti che dovrebbero avere conseguenze: ricordo che c’è una pupa in arrivo e questa cosa probabilmente farebbe morire di curiosità anche Doyle in persona. Poi c’è Mary: lo so che molti pensano che la sua storyline sia finita con la terza stagione, ma io sono una di quelle che ancora deve superare il fatto che abbia sparato a Sherlock – fucking – Holmes. Sarò un’eterna illusa, ma secondo me se spari al protagonista e questo la prende con filosofia, c’è sotto qualcosa (IMHO, ovviamente).

 

8. Previsioni per la Season 4 : il bicchiere mezzo vuoto

Questo si può riassumere in una domanda che è stata fatta a Moffat. Ve la lascio così, perché mi sembra che sia abbastanza eloquente:

“How will fans feel after watching [season 4]?
Hmmm… desperate for series 5.”

 

Tornando al discorso della pazienza, penso che sappiate benissimo come per essere fan di Sherlock ne occorra molta, non solo per aspettare in termini temporali la messa in onda della serie stessa, ma più che altro per sopportare il continuo teasing da parte di coloro che ci dovrebbero rendere l’attesa meno terribile. Dopo anni di esperienza, il vero Sherlocked quando legge un’intervista di Moffat e Gatiss sa che, alla fine, dovrebbe fare un respiro profondo ed eliminare dal suo mind palace tutto ciò che ha letto, ma non lo fa mai. Altrimenti io come avrei fatto a scrivere questo post?

Valentina
26 anni, lavoro nel marketing, ma non mordo. Credo nel potere curativo del cibo, del the caldo e delle serie tv (poi magari funzionano anche le medicine, non so). Amante di libri con finali tristi. Cerco di convertire tutti i miei amici a Doctor Who (e ci sto riuscendo).

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi