“Che serie tv mi consigli?”: la domanda più temuta dal telefilm addicted

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Da grandi poteri derivano grandi responsabilità, diceva qualcuno. Prendendola (molto) alla larga, ogni telefilm addicted sente questa fantomatica responsabilità cadere su di sé nel momento in cui un suo amico/conoscente/familiare gli si avvicina sussurrandogli all’orecchio la temuta/bramata frase: “Ho un po’ di tempo libero: c’è qualche serie tv che mi consigli?”.

La domanda sembra apparentemente innocua: si tratta di un semplice consiglio, giusto?

NO.

Il telefilm addicted sa che quello è un momento di massima importanza: è il momento in cui può trasformare una persona da “Ma sì, seguo due serie tv, ma quando le becco su Italia Uno” a “Ommioddio sono già usciti i sottotitoli in italiano della 4×19? No?! Allora uso quelli in inglese”.

Bisogna però sapere consigliare la serie giusta. Ecco quindi alcuni semplici passaggi per non sbagliare e gettare così le basi per la creazione di nuovi fedeli compagni al vostro fangirling sfrenato:

1. Pensate a chi avete davanti
La conoscenza del carattere della persona che avete davanti e delle sue preferenze è di primaria importanza:
Romantica e fiera? Outlander!
Amante dei misteri e dei fighi? Broadchurch!
Masochista e slash shipper fino alla morte? Merlin!
Facile, no?

2. Operazione convincimento
Per qualche oscuro motivo, nel momento in cui elargirete il vostro ponderatissimo consiglio, la persona che avrete davanti farà questa faccia:

Credetemi, la farà sempre. Nonostante gli anni di fidata consulenza telefilmica, non ho mai incontrato nessuno prendere la mia parola per vera e non sospettare che io stia cercando di rifilare “la solita cafonata”.

Quindi, ricordate: in questi casi è meglio essere brevi e concisi. Dovete descrivere perché questa particolare serie tv è perfetta per quella persona. Una frase e un paio aggettivi ben piazzati sono tutto quello che vi serve, con qualche elemento personale per indorare la pillola:

“Dovresti vedere Sherlock! È in pratica Sherlock Holmes ambientato nei giorni nostri, è super fedele all’originale. All’inizio ero dubbiosa, ma quando ho finito la prima puntata non credevo a quello che avevo visto!”

“Vedi Outlander: 1700 e scozzesi possenti in kilt.” (Nda: Se la vostra amica non si convince con questa frase, cambiate amica).

NB: la tecnica “basta una frase breve e concisa” funziona con tutte le serie tranne Doctor Who. Per spiegare Doctor Who ci vogliono almeno 20 minuti, al termine dei quali il vostro interlocutore inizierà a dubitare seriamente della vostra assennatezza. Convincere una persona a vedere questa serie prevede delle abilità da vero pro e dei passaggi più complessi che rimando a un altro post.

3. La regola fondamentale
Mai consigliare la tua serie preferita a priori. Sembrerà impossibile, ma potrebbero esserci persone che non la apprezzeranno e quando ti diranno che quella serie che avevi consigliato “fa cagare”, potresti sentire la tua anima andare in mille pezzi. Mi è capitato, e non sono stata più la stessa.

Un ultimo consiglio spassionato: date tempo al tempo. Siate come la goccia d’acqua sulla roccia: continuate a chiedere periodicamente se hanno visto la serie che avete consigliato. Alla lunga, può essere che decidano di vederla davvero. E ci sono poche cose al mondo che uguagliano il piacere di sentirti dire “Avevi ragione, è una figata e ho visto due serie stanotte al posto di dormire!”. Lì il telefilm addicted percepisce quel brivido nella schiena che può volere dire solo una cosa: che qualcun altro è passato al lato oscuro e che lui non può far altro che fargli spazio *risata diabolica*.

 

Valentina

26 anni, lavoro nel marketing, ma non mordo. Credo nel potere curativo del cibo, del the caldo e delle serie tv (poi magari funzionano anche le medicine, non so). Amante di libri con finali tristi. Cerco di convertire tutti i miei amici a Doctor Who (e ci sto riuscendo).

You may also like...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi