Casanova e il Tennant dagli occhi blu

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Tempo di lettura: 5 minuti

casanova

*breve momento di venerazione davanti a questa foto*

Venezia, 2 aprile 1725
Il latin lover più famoso della storia, tanto che il suo cognome è oggi un sostantivo di uso comune, nasce in una modestissima casa di Venezia. Ai tempi nessuno avrebbe potuto prevederlo, ma Giacomo Casanova sarebbe diventato una vera e propria leggenda: certo, oggi quasi tutti lo conoscono per le sue conquiste amorose, ma la sua vita fu avventurosa tanto quanto quella di un moschettiere. Viaggiò tantissimo, visse uno dei periodi più delicati della storia e con la sua autobiografia, per quanto lunghissima (ne ho letto solo un volume… e in tutto sono tre), è in grado di divertire e intrattenere anche il moderno lettore… Insomma, materiale perfetto per una mini-serie tv!

Bathgate, 246 anni e 16 giorni dopo
Nella verdeggiante Scozia vede la luce l’Attore destinato a cambiare per sempre l’esistenza di molte di noi, con struggimenti eccessivi e gridolini da oche selvatiche: il suo nome è David John McDonald, ma oggi viene invocato e venerato a gran voce come David Tennant. Destinato a diventare il Dottore più amato di Doctor Who, prima di entrare nel Tardis avrebbe compiuto un altro, importante passo: interpretare Giacomo Casanova in persona!

Busto Arsizio*, 19 anni, 10 mesi e 13 giorni dopo (circa)
Nasce la sottoscritta, una povera neonata indifesa che tutt’oggi ringrazia ancora tutti i pantheon possibili per l’esistenza di Casanova, mini-serie tv della BBC sceneggiata da Russell T Davies. Alla quale ho donato un pezzettino di cuore.

*Sì, la Terra di Merdor

Insomma: unite un personaggio intrigante come Casanova, un attorone da sbav come Tennant, Russell T Davies e la BBC… BOOM!

Ma forse conviene contestualizzare un minimo.
Nel lontanissimo 2005 (più di dieci anni fa: praticamente preistoria!), quando ancora Doctor Who non era risorto dalle proprie ceneri, lo sceneggiatore Russell T Davies era alle prese con un’altra storia per il piccolo schermo, una storia che non aveva niente a che fare con alieni, cabine blu e viaggi nel tempo… Ma che comunque gli diede la giusta ispirazione per tratteggiare la bozza del Decimo Dottore. Come avrete intuito, questa storia fu una mini-serie (di soli tre episodi, ahimé): Casanova.

 

Avete presente il film con Heath Ledger (uscito, guarda caso, lo stesso anno)? Ecco, quel Casanova non aveva niente a che fare con il Casanova storico. Ovviamente anche la mini-serie di Davies è un rifacimento della sua autobiografia (la quale “probabilmente” esagerava a sua volta certi passaggi), ma la gran parte degli aneddoti vengono veramente narrati in Storia della mia vita. Il che, a parer mio, è già un grande merito.

Ma cosa vi sto a parlare di aderenza storica o invenzioni arbitrarie: tanto LO SO che avete aperto questo articolo solo per TENNANT!

tennant casanova

Casanova, ossia: quello che tutte noi vorremmo fare a Tennant

Quello di David Tennant è un Casanova romantico…

Divertente…

Determinato…

Imprevedibile…

Furbetto…

… e con le lenti a contatto blu fintissime.

tennant occhi blu

Ma è comunque bellino! GUARDATELO! <3

Insomma, Russell T Davies si concentra sugli aspetti più avventurosi della vita di Casanova, accentuando giusto un po’ la “relazione romantica” con Henriette, ragazza di umili origini che riesce ad entrare nella società aristocratica veneziana grazie ad un fidanzamento molto conveniente con tale Grimani. Ovviamente lui e Casanova non si possono vedere… E, ancora più ovviamente, da questa situazione nasceranno drammi, dolori (tra cui l’arresto di Casanova e la condanna ai Piombi, le famose e temute prigioni del Palazzo Ducale), fughe, sacrifici, incomprensioni… ma anche due amorini tenerelli per cui tifare <3


casanova henriette

E non vi ho nemmeno accennato al “finto eunuco”, alla Rivoluzione Francese, alle “avventurine” con suore e sorelle, al figlio-sorpresa o alla straordinaria capacità di Casanova di adattarsi pressoché a qualsiasi professione!
Ovviamente, gag e umorismo a parte, Casanova non tralascia nemmeno quella patina di malinconia, fin dall’inizio del primo episodio: basti pensare che la storia è raccontata in flashback dall’anziano Casanova (interpretato da Peter O’ Toole), dimenticato e in rovina, umile bibliotecario in Boemia. Il qual, nonostante tutte le imprese galanti e gli anni passati, non ha ancora dimenticato il suo affetto per Henriette.

casanova peter o'toole

Avete bisogno di altre motivazioni per spararvi tutto Casanova? Sono solo tre episodi, in fondo… per un totale di circa tre ore. Ideale per un pomeriggio di dolce-far-niente, no? 😀

Che Tennant vi benedica, e… Al prossimo delirio!

 

 

 

 

 

Vain
Gattofila Serpeverde, attendo invano che Robb Stark resusciti come licantropo; Tennant ha invaso camera mia con la sua faccia; ho un'insana mania per i musical e per tutto ciò che fa rima; leggo #UnFumettoAlGiorno e scrivo per Blue Box Series e Mangaforever; intanto, vado a caccia di idee per sceneggiature e cose varie.

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi