Aquarius, o meglio “come Charles Manson farà breccia nel vostro cuore”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr

Vi avviso: parto con la solita premessa. Non sono solita a scrivere commenti e recensioni di episodi perché mi vien difficile esprimere a parole che non siano onomatopee quello che vedo e finirei inevitabilmente per categorizzare le cose in tre grandi categorie: quella del “chemmerda“, quella del “trash, ma diamogli una chance” e quella del “figata epocale, guardatela tutti ora“.
I commenti seri – come avete potuto capire leggendo qua e là questo blog – non sono il mio campo, li lascio a persone più responsabili e con una capacità di linguaggio più articolata della mia.

Ma ieri ho visto Aquarius e il mio hype è stato sfamato.
Ieri ho visto Aquarius e non ho saputo trattenermi.
Ho visto Aquarius e voglio dare una possibilità alle mie abilità perché mettersi alla prova è sempre cosa buona e giusta e poi Double D rapisce sempre il mio cuore – e non solo.

Ora, quindi, in modo semi professionale (per gli standard di questo blog) cercherò di mantenere la mia oggettività commentando – e cercando di non spoilerare troppo – quello che ho visto, perché sì, è decisamente una “figata epocale“. O almeno così pare.

aquarius nbc

Sono partita scettica. Le mi informazioni in partenza erano: David Duchovny, la storia è su Charles Manson (e se non sapete chi sia, per Dio, googlate all’istante – ndr), è ambientato negli anni ’60 ed è della NBC. Ad occhio e croce poteva uscirne qualcosa di buono, le premesse c’erano, ma ero pronta alla trashata del secolo dopo i primi 40 minuti – un po’ come Wayward Pines – ma il tutto mi ha piacevolmente stupita, colpita, afferrata ed emozionata.

Los Angeles, 1967. Questa è l’apertura e i primi cinque minuti ci mostrano uno dei tipici party organizzati da Charles Manson. Fosse finita lì, avrei spento e iniziato a scrollare Tumblr senza problemi, ma fin dai primi cinque minuti Aquarius ti prende. Buona parte della colpa se la becca tutta la colonna sonora che spazia da White Rabbit (Jefferson Airplane) a A Paint in Black (The Rolling Stones) – solo per citarne due – che ti trasmettono esattamente il senso di quel momento, di quel posto, e direi anche di quell’attimo.

tumblr_np4o04zjwg1te244ko1_500

Poi l’altra buona parte della colpa ce l’hanno i personaggi.
La vicenda si avvia con uno zoom su un mega party di Manson, ma la storia non finisce qui. La trama ruota attorno alla scomparsa – o meglio “volontaria dipartita” – di Emma Karn (Emma Dumont) figlia di Grace (Michaela McManus) e Ken Karn (Brían F. O’Byrne) – le cui turbe sessuali e psicologiche vengono rivelate nel corso dei primi due episodi e urlerete WTF a gran voce – che decide di seguire la filosofia dell’amore libero e ribellione contro il sistema proposta dal buon Charlie – Renly Baratheon – Manson (Gethin Anthony). Non sembrava molto convinta della cosa, almeno finché Manson non la limona seriamente proponendole cose a tre.

tumblr_np4njcAF9f1u9yuf6o1_1280

Ma finisse tutto qua i nostri cuori da shippers come la prenderebbero? Nella storia infatti entra anche l’attempato Sam Hodiak (David Duchovny) poliziotto dal pugno duro, che agisce piuttosto che cercare accordi, che ha smesso di bere, che è il primo amore della mamma della ragazza in crisi esistenziale, con ex-moglie-semi-palla-al-piede e figlio militare al seguito e che ha il compito di ritrovare la ragazza – ma solo perché è un poliziotto, non perché è palese che è ancora innamorato perso della madre di lei. Vi dico che qua si urla alla ship fin dalla prima scena in cui i due compaiono insieme, il che equivale alla terza scena in cui vediamo DD in azione (Invecchiato? Sì, ma ci piace comunque, specialmente quando indossa i suoi occhiali da lettura).

tumblr_nosmjvGaOm1r6tvygo1_540
In tutto ciò aggiungiamo l’altro bel poliziotto – forse “bel” è troppo poco per definirlo – Brian Shafe (Grey Damon) dal carattere ribelle, semi-drogato, che viene affiancato – e con cui si instaura una relazione padre-figlio che a noi tanto piace – ad Hodiak e funge sostanzialmente da poliziotto buono.

tumblr_np46aacopT1qc44efo5_250tumblr_np46aacopT1qc44efo4_250
tumblr_np46aacopT1qc44efo3_250tumblr_np46aacopT1qc44efo1_250

Tutti questi esseri umani si inseriscono alla perfezione in una narrazione che sposta l’attenzione dalla “setta” di Manson a chi cerca di dargli la caccia, senza sbagliare un colpo. Ma non solo: si inseriscono nella vicenda anche altre storie un po’ a caso su temi universali – quali razzismo e droga – che ti motivano a stare attaccato allo schermo fino alla fine.

Esiste poi la terza motivazione che rende Aquarius una cosa buona e giusta ed è il fatto che è tratto da una storia vera. Ok, alcuni personaggi sono totalmente inventati e necessari per dare senso alla trama – vedi Hodiak stesso – ma il filo conduttore della pazzia di Manson emerge fin dai primi 80 minuti. Nella mia mente si stanno già realizzando le puntate (o forse le stagioni?) dove potrebbero essere narrati i fatti legati a Sharon Tate e mi sembra una gran cosa. L’attualità del tutto è data anche da Nixon e Regan perché è tutto esattamente contestualizzato nel periodo.

La mia attenzione non è calata.
Non ho aumentato la velocità di riproduzione, nonostante l’intolleranza verso alcuni attori (causa insofferenza da altri telefilm *Gaius Charles* – ndr).
Sarà che i protagonisti sono così fregni che ti vien difficile distrarti e fare altro, perchè ammettiamolo l’occhio vuole la sua parte. Ma Gethin Anthony circa 3 anni dopo aver interpretato Renly Barathereon in Game of Thornes  da vita a questo psicopatico alla perfezione, cosa che in un ora e mezza di season premiere fa venire voglia di donarti completamente a lui no-matter-what e a comprendere le azioni inspiegabili degli altri personaggi.

tumblr_inline_np31mtY4M41setugd_540

Ora, non mi è ancora chiaro a cosa si riferisca il titolo Aquarius (e se lo sapete illumiatemi, scrivetemi, twittatemi) ma credo che queste prime due puntate abbiano fatto centro. Si ride, si shippa, si dice WTF e si dice anche “ma anche no”! C’è tutto, insomma. E questo è il mio parere assolutamente oggettivo delle prime 2 puntate. Poi ovviamente la speranza che non finisca in merda nel corso delle prossime tre c’è, ma qua non siamo sulla ABC quindi qualche possibilità l’abbiamo.
Poi la NBC per essere al passo coi tempi ha deciso di rilasciare tutta la serie sulle sue piattaforme online per 4 settimane, nonostante continui a buttarne fuori una a settimana. Direi, quindi, che qui qualcuno ci sta palesemente invitando a binge-watchare tutto, e un invito non si rifiuta mai.

Irrimediabilmente nerd. Nasco Binge-Watcher e muoio Browncoat. Credo nell'esistenza del Bigfoot e in tutto ciò che trasuda trash. HEY STELLLLLAAAA!

Potrebbero interessarti anche...

Informativa: Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Cliccando su accetta, acconsenti all’uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi